Cos’è il danno biologico?

Per comprendere il concetto di danno biologico bisogna partire dalla premessa che l’integrità della persona è primario, che deve essere tutelato giuridicamente non solo quando il danno abbia compromesso, in maniera totale o parziale, definitiva o temporanea, le capacità della persona di riuscire a svolgere le sue ordinarie occupazioni, ma in tutte le ipotesi in cui il danno abbia determinato un depauperamento del valore biologico dell’individuo.

Conoscere l’ansia – Guida introduttiva nr.1

Immagina di essere in una stanza con la porta chiusa, sei seduto, rilassato, pensi alla giornata, agli impegni. Improvvisamente la porta si spalanca con un colpo e sulla soglia compare una enorme tigre che avanza verso di te. Come pensi ti sentiresti in quel momento? Questa è l’immagine con cui il mio docente di psicologia al primo anno di università ha descritto ai suoi studenti, tra i quali mi trovavo io, la risposta d’ansia fisiologica.

Alla scoperta dell’Arteterapia

L’arteterapeuta ha il compito di fare da guida, da sostenitore nella relazione tra sé, la persona e il manufatto artistico.
Il manufatto mostra in maniera tangibile il nostro sentire, l’emozione, diventa l’oggetto transizionale attraverso cui imbastire una relazione, una comunicazione. L’arte diventa protagonista del percorso, rende concreto il lavoro che la persona sta facendo, e funge da specchio del nostro cambiamento, che può essere più o meno lungo nel tempo. L’Arteterapia permette, attraverso il canale non verbale, di esprimere concetti ed emozioni consci ed inconsci.

Corpo e psiche nella psicoterapia integrata

Filippo: il respiro e il movimento del corpo come chiave di osservazione di sé e degli altri
Entriamo immediatamente nel merito, affacciandoci alla soglia della relazione tra corpo e mente, attraverso i ‘movimenti’ di un paziente: “Dopo almeno un anno di psicoterapia canonica focalizzata sulla parola, mi chiama un collega chiedendomi di “smuovere” un po’ la situazione.